Per dare più peso alla protezione del clima

La mobilità degli esseri umani aumenta, il commercio internazionale anche. SBB Cargo International ci tiene in particolar modo a ridurre al minimo gli effetti negativi del traffico merci. Ogni tipo di trasporto merci ha i suoi vantaggi e la sua ragion d’essere.

Risparmio di CO2 lungo l'asse nord-sud

Soprattutto per i trasporti sull’asse nord-sud sono molti i fattori che fanno propendere per la ferrovia. Per ogni tonnellata di carico e per ogni chilometro percorso con un treno merci europeo, nell’atmosfera vengono liberati in media solo 29 grammi di CO2, mentre un mezzo pesante con omologazione EURO 5 produce ben 81 grammi. Più lungo è il tragitto di trasporto, più grande è il risparmio scegliendo la ferrovia.

SBB Cargo International aiuta i propri clienti a dare più importanza alla tutela ambientale. L’applicazione EcoTransIT calcola e confronta il consumo energetico e le emissioni di gas nocivi prodotti dai mezzi di trasporto come il treno, il camion, la nave e l'aereo ed evidenzia l’utilità diretta.

Risparmio di CO2
Emissioni di reporting

Chi sceglie la ferrovia, sceglie l’ambiente.

SBB Cargo International mette a disposizione dei propri clienti un rapporto sulle emissioni individuale che indica la riduzione delle emissioni ottenuta con il trasporto su rotaia.

In collaborazione con l’organizzazione internazionale per la tutela del clima myclimate, offre inoltre ai clienti trasporti ferroviari climaticamente neutrali.

Secondo le stime della Federazione internazionale delle ferrovie, l’insieme dei trasporti effettuati in Svizzera e in Europa genera dei costi esterni (incidenti, emissioni nocive, cambiamenti climatici e rumore) che ammontano a 704 miliardi di euro all’anno. 698 miliardi di questi costi sono da imputare al traffico stradale e solo 6 miliardi – ossia l’1% – al traffico ferroviario.